IL REGISTRO ON-LINE

Nella nostra come in altre scuole d’Italia, si è iniziato ad usare il registro ON-LINE che “teoricamente” sarebbe un OTTIMO struimento per le comunicazioni con le famiglie e il monitoraggio delle attività svolte dal proprio figlio.

Il PROBLEMA è che in molte scuole è stato presentato come OBBLIGATORIO quando ancora non lo è!

Allego di seguito un articolo di “ORIZZONTE SCUOLA” che spiega bene tutto questo:

“inviato da Marco Barone – Ricordate le grandi innovazioni tecnologiche per la scuola rivendicate dal Governo, con la spending review?

Il testo del DL 6 luglio 2012 n.95 convertito dalla legge 7 agosto 2012 n.135 al Titolo secondo specifica in sostanza che “Le istituzioni scolastiche ed educative redigono la pagella degli alunni in formato elettronico” e “i docenti adottano registri on line e inviano le comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico”

Soffermandoci in particolar modo sulla questioneregistro on line, secondo questo testo di Legge, a a decorrere dall’anno scolastico 2012-2013 le istituzioni scolastiche e i docenti adottano registri on line e inviano le comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico.

Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, sempre in base al dettato normativo, predispone entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto un Piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, università e ricerca e dei rapporti con le comunità dei docenti, del personale, studenti e famiglie.

Il tutto ovviamente a costo zero per la finanza pubblica, ma non per le casse delle scuole, le quali per l’attuazione di questa disposizione, dovranno attingere dal noto Fondo d’Istituto, per retribuire il tecnico o l’esperto informatico che dovrà formare il personale scolastico per l’utilizzo di questa nuova procedura, per non parlare della problematica computer, poiché quasi certamente i docenti saranno costretti a compilare il registro on line da casa e con il proprio computer, dunque, chi non sarà in possesso di un computer dovrà comprarlo? E dovrà ancora una volta lavorare, gratis, da casa?

Ma il problema per questo anno scolastico forse non si porrà. Infatti, chi ben conosce il mondo della scuola, certamente non chi tende a legiferare, saprà che i collegi docenti hanno già deliberato autonomamente l’organizzazione e la struttura di questo fondamentale strumento di lavoro per la scuola.

E visto che lo scopo di quella norma era di attuare un risparmio per le casse dell’amministrazione, che fine faranno i registri che sono già a disposizione delle scuole? Verranno gettati via? E questo lo chiamiamo risparmio o spreco?

Ancora una volta si assiste ad una sorta di operazione di mera demagogia. Non si innova la scuola a parole, non si innova la scuola con testi normativi, non si innova la scuola con le imposizioni. Una cosa è certa, ad oggi, i Dirigenti Scolastici non possono obbligare i docenti a ricorrere al registro on line, perché manca il provvedimento attuativo della citata Legge, visto e rilevato che il MIUR non ha predisposto il piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, università e
ricerca e dei rapporti con le comunità dei docenti, del personale, studenti e famiglie, perchè deve tener conto di quanto deliberato in tal senso dal collegio docenti e certamente non si può iniziare l’anno scolastico senza registro, rilevato che ad esempio le presenze o le assenze degli studenti da qualche parte andranno pur segnate.

Potrebbe però accadere che durante questo anno scolastico si cercherà di porre rimedio a tale pasticcio, se così possiamo definirlo, obbligando i docenti, visto il dettato normativo previsto dalla spending review, a compilare anche il registro on line, in corso
d’opera, non appena questo sarà tecnicamente pronto. Dunque i docenti in sostanza rischierebbero di trovarsi nella situazione di effettuare due volte lo stesso lavoro. Ciò è palesemente illegittimo e certamente illogico e non rispettoso dello scopo fondante quella disposizione legislativa, ovvero il risparmio di spesa.

Ma visto che per questo anno scolastico, per quanto concerne i registri, tale scopo è certamente venuto meno, una volontà del genere, consistente nell’imporre il ricorso al registro on line quando è stato già acquistato il registro cartaceo, sarebbe idonea a realizzare l’ennesimo conflitto nella scuola.

Un pensiero su “IL REGISTRO ON-LINE

  1. Infatti non è obbligatorio per quest’anno scolastico, ma lo sarà per il prossimo.
    Come si legge dalla circolare del 3/10/12 “…L’anno scolastico appena iniziato rappresenta un periodo di transizione durante il quale le scuole dovranno attivarsi …” si evince chiaramente che questo anno è di passaggio, quindi sarebbe meglio che, invece di obbligare i docenti all’utilizzo dell’on-line, se ne consigli caldamente l’utilizzo in modo da non trovarsi impreparati all’avvio dell’a.s. prossimo.

    Buon lavoro, Manlio.

    Chiunque volesse leggere il testo intero lo si trova qua http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/prot1682_12bis

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...